Il presidente dell’Odg Lombardia Galimberti candidato a sindaco di Milano per la Lega di Salvini?
giorgio levi

Il presidente dell’Odg Lombardia Galimberti candidato a sindaco di Milano per la Lega di Salvini?

Per prima la notizia è stata anticipata dal Giorno e poi ripresa da Il Fatto Quotidiano. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia Alessandro Galimberti potrebbe essere il candidato sindaco di Salvini alle prossime elezioni comunali di Milano. Se la notizia è vera o no glielo hanno chiesto i 5 consiglieri che sostengono la maggioranza … Continua a leggere

Contrordine Verna: elezioni rinviate all’8 novembre. Il Consiglio del Piemonte conferma le date di ottobre
giorgio levi

Contrordine Verna: elezioni rinviate all’8 novembre. Il Consiglio del Piemonte conferma le date di ottobre

Dopo giorni di grande confusione e divisione, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna ha rinviato all’8 novembre (prima convocazione),  15 novembre (seconda convocazione) e 22 novembre (ballottaggio) le date per eleggere i consiglieri nazionali (l’elezione dei consiglieri regionali non è competenza del presidente nazionale). Fino a ieri i giorni (per regionali e nazionali) erano … Continua a leggere

E’ nato il Premio Rossella Minotti riservato ai giornalisti under 35
giorgio levi

E’ nato il Premio Rossella Minotti riservato ai giornalisti under 35

E’ nato il Premio giornalistico intitolato alla memoria di Rossella Minotti, collega prematuramente scomparsa nel 2019, già caporedattore del Il Giorno e molto impegnata nel sindacato dei giornalisti. L’iniziativa è promossa dalla famiglia di Rossella con la Federazione nazionale della Stampa italiana e Associazione Lombarda dei Giornalisti e si rivolge ai giornalisti under 35. E’ … Continua a leggere

Feltri, direttore di Domani: “Abbiamo scelto di dipendere dai lettori per essere liberi, senza condizionamenti”. Quasi come Montanelli nel ’74
giorgio levi

Feltri, direttore di Domani: “Abbiamo scelto di dipendere dai lettori per essere liberi, senza condizionamenti”. Quasi come Montanelli nel ’74

Scrive, alla fine del suo editoriale, Stefano Feltri, direttore di Domani, il quotidiano di Carlo De Bendetti uscito per la prima volta oggi in edicola e online: “I giornali esistono se hanno lettori che li comprano in edicola e si abbonano online. Avremo anche la pubblicità, ma noi abbiamo scelto di dipendere dai lettori per … Continua a leggere

Domani è il giorno di De Benedetti. Tiratura 200 mila copie. Prezzo 1 euro
giorgio levi

Domani è il giorno di De Benedetti. Tiratura 200 mila copie. Prezzo 1 euro

Domani 15 settembre è il giorno di esordio di Domani, il nuovo quotidiano voluto da Carlo De Benedetti e diretto dal giovane Stefano Feltri. La tiratura iniziale sarà di 200 mila copie. Dice Feltri: “E’ una tiratura importante, che dovrebbe permetterci di coprire tutte le edicole d’Italia. Il prezzo è alla portata di tutti: 1 … Continua a leggere

Giornalisti al voto, elezioni per il rinnovo delle cariche il 4 e l’11 ottobre. Polemiche, divisioni, lotte politiche
giorgio levi

Giornalisti al voto, elezioni per il rinnovo delle cariche il 4 e l’11 ottobre. Polemiche, divisioni, lotte politiche

Si svolgeranno il 4 (primo turno) e l’11 ottobre (eventuale ballottaggio) le elezioni per il rinnovo delle cariche dell’Ordine dei giornalisti. Si vota per eleggere i consiglieri nazionali e quelli regionali. Che, a loro volta, eleggeranno il presidente nazionale e quelli regionali. A cui si aggiungono i segretari e i tesorieri (nazionali e regionali). Il … Continua a leggere

FASCISTISSIMI
giorgio levi

FASCISTISSIMI

Ci voleva una donna con 20 milioni di follower per fare esattamente il punto sull’assassinio del povero Willy. Ci voleva un ex calciatore del Milan per tracciare il quadro esatto della politica italiana alla vigilia del referendum. Per due giorni i quotidiani hanno vagato sulle arti marziali, sull’ossessione del corpo, sugli istinti violenti degli assassini … Continua a leggere

Ma De Benedetti ha ragione
giorgio levi

Ma De Benedetti ha ragione

Ha superato il limite del buon gusto, dell’educazione e di quel minimo di fairplay che anche gli squali rispettano. Per un signore anziano, malato, colpito dal virus, è un segno di civiltà. C’è un confine morale che non si può oltrepassare, se si esclude una motivata soddisfazione per l’impiccagione di Adolf Eichmann, tutti gli altri … Continua a leggere