giorgio levi

Carlo De Benedetti: “Un condirettore a Repubblica? Ero e rimango del tutto contrario, nessun grande giornale al mondo usa questa formula”

Che La Repubblica abbia nominato un condirettore (Tommaso Cerno, ex numero uno de L’Espresso), per affiancarlo a Mario Calabresi, non va giù al suo editore, Carlo De Benedetti. Lo ha detto l’altro ieri in una serie d’interviste: “Ero e rimango assolutamente contrario. Nessun grande giornale al mondo utilizza questa formula”.

L’Ingegnere è sembrato piuttosto contrariato anche per quella sorta di endorsement di Eugenio Scalfari a favore di Silvio Berlusconi. Ha detto De Benedetti: “Penso l’abbia fatto per vanità, per riconquistare la scena. Ma è stato un pugno nello stomaco per gran parte dei lettori di Repubblica, me compreso. Berlusconi è un condannato in via definitiva per evasione fiscale e corruzione della giustizia. Se non fosse per l’età, sarebbe un endorsement sorprendente per uno come Scalfari che ha predicato, sia pure in modo politicamente assai cangiante, la morale. Penso che abbia gravemente nuociuto al giornale”.

Credits

Huffington Post