giorgio levi

Il sindacato a Crimi: “Basta con i toni da crociata. Un conto è discutere di riforme, un altro la resa dei conti”

Il sindacato dei giornalisti non ci sta e boccia le iniziative del sottosegretario Vito Crimi. Il segretario della Fnsi Raffele Lorusso e il presidente del sindacato dei giornalisti sono molto espliciti.

In una nota scrivono: “Un conto è discutere di riforme, un altro avviare una resa dei conti con il mondo dell’informazione. I toni con cui gli esponenti del governo parlano di interventi nel settore sono quelli tipici di chi non vuole affrontare i problemi, ma sogna soltanto una resa dei conti con i giornalisti e i loro editori. Se il sottosegretario all’editoria Vito Crimi abbandonasse i toni da crociata e volesse avviare un confronto su un processo di riforma complessiva del sistema, peraltro necessario, troverebbe interlocutori pronti al dialogo e a fornire un contributo di idee e proposte.

Dalle sue dichiarazioni si ricava invece la chiara volontà di indebolire l’informazione professionale e di colpire i giornalisti per renderli più docili e meno liberi. L’assenza di provvedimenti per contrastare querele bavaglio e cancellare le norme che consentono lo sfruttamento del lavoro giornalistico e favoriscono il precariato ne è la dimostrazione”.

Credits

Fnsi