giorgio levi

Gli utenti della rete impiegano 30 secondi per leggere un quotidiano online. I lettori delle edizioni in carta 40 minuti. Inchiesta in Gran Bretagna

A man buys a newspaper the day after Britain voted to leave the EU, at a newsagents in central London, Britain June 25, 2016.  REUTERS/Neil Hall  - RTX2I49F

A volte mi sembra non abbiamo l’esatta percezione della rivoluzione dentro la quale ci siamo infilati, senza avere la minima idea di che cosa accadrà in futuro e persino nel presente. Uno studio inglese (UK National Readership Survey (NRS) per la stampa e Comscore per l’online) rivela che un lettore medio britannico impiega 30 secondi per leggere un quotidiano online. Un lettore invece della versione cartacea dello stesso giornale più di 40 minuti. Il lettore online dunque non s’informa affatto e non ha nessuna intenzione di farlo, in 30 secondi si limita ai titoli della homepage nella parte alta. La carta tiene qualche posizione, 40 minuti per un tabloid sono in effetti un tempo in linea che quelli di vent’anni fa. Carta o rete? Questi dati pubblicati da Presse Gazette Fighting for journalism rendono ancora più complicata la situazione. Ma mentre la Gran Bretagna ci sta lavorando, noi continuiamo a correre  nel nulla.