giorgio levi

Via la scritta Press dai giubbotti antiproiettile e dalle auto per non essere presi di mira dai cecchini di Putin

(foto Reporters Sans Frontières)

Ricardo Gutierrez, segretario dello European Federation of Journalists, intervenuto all’incontro con la missione Media Freedom Rapid Response organizzata da Obct, in collaborazione con Fnsi, Articolo 21 e Ordine dei Giornalisti, a proposito della drammatica situazione in Ucraina, con giornalisti presi di mira dai soldati russi, ha detto: “Stiamo assistendo a una situazione molto preoccupante in questo momento, ci siamo convinti che i giornalisti siano diventati un obbiettivo. Finora sono morti 7 cronisti, la maggior parte dei quali con esperienza in Irak o a Kabul. Giornalisti che conoscevano le nozioni basilari della sicurezza, come proteggersi, e nonostante questo sono stati uccisi. Per questo pensiamo che ci sia una decisione deliberata, principalmente da parte delle forze russe, di prendere di mira i giornalisti. Per questo molti giornalisti che sono sul campo ora scelgono di togliere la scritta press dalle auto e dai giubbotti anti – proiettili, per non diventare un obiettivo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...