giorgio levi

Si dice “la TGR” o “il TGR”? Interviene l’Accademia della Crusca

Esattamente per quali ragioni qualcuno si è posto la domanda se l’informazione Rai regionale debba avere davanti alla sigla TGR l’articolo maschile o quello femminile non lo so. Ho notato però che ci ha disquisto su nientepopodimenoche l’Accademia della Crusca.

Qui di seguito l’articolo (un po’ accorciato, ma la versione integrale è al link in fondo) apparso una decina di giorni fa sul sito dei custodi della lingua italiana. Adesso siamo tutti più sereni. Buona lettura.

Parecchi lettori hanno chiesto, alcuni lamentandosene, le ragioni e la liceità dell’espressione la Tgr, pensandola riferita al telegiornale: qualcuno ha anche citato un improbabile la tg3, o addirittura la tg. E qualcuno ha addirittura erroneamente inserito anche questo strano genere femminile nella tendenza generale a creare il femminile dei nomi di professione in modalità normali per la nostra lingua, ma che sono molto discusse: una tendenza illustrata e argomentata da Vittorio Coletti nel tema questo mese.

È necessario subito fare chiarezza per evitare estensioni e fraintendimenti inopportuni.
Premessa fondamentale è l’esistenza della medesima sigla Tgr per indicare sia ‘testata giornalistica regionale’, sia ‘telegiornale regionale’. Per essere più precisi, la sigla nasce come acronimo di testata giornalistica regionale nel 1991, in sostituzione della dicitura Rai regione, a indicare dal 1987 la costola dei notiziari regionali scorporati dalla terza rete televisiva, a cui erano inizialmente legati.

Dunque, quando è usato con l’articolo femminile l’acronimo Tgr è riferito alla testata, mentre quando è usato nel senso di ‘telegiornale’ è preceduto regolarmente dall’articolo maschile. Questo appare chiaro e confermato da una breve ricerca svolta sull’archivio del “Corriere della Sera” e della “Repubblica”, che riflette chiaramente la storia e l’uso della sigla Tgr (di solito con l’iniziale maiuscola), a partire dai primi anni Novanta del secolo scorso.

Spesso, poi, la Tgr viene accostata, sempre intendendo la testata, al nome della relativa regione: la Tgr Liguria, la Tgr Puglia, ecc.
A indicare il telegiornale regionale e non la testata appare talvolta, oltre alla sigla con l’articolo maschile, l’espressione, ovviamente sempre al maschile, Tg regionale. Ma va anche osservato che qualche volta, ma per fortuna raramente, l’uso della sigla al femminile può indurre a qualche ambiguità, potendo essere interpretato come riferito al telegiornale.

Se, dunque, almeno stando alla documentazione scritta tratta dai quotidiani (ben più arduo sarebbe raccogliere una documentazione dai tg regionali trasmessi, che peraltro talvolta sembrano riferirsi alla sigla definendosi come ‘telegiornali rai’), possiamo essere certi che la Tgr non è, salvo rarissimi casi, un’indebita estensione al femminile del corretto genere maschile per il telegiornale, regionale o nazionale che sia, chiudiamo notando, un po’ scherzosamente, che la Tgr è stata usata anche per ‘la tariffa per la gestione dei rifiuti’, passata attraverso le più o meno trasparenti sigle TARSU ‘tassa sui rifiuti solidi urbani’, TGR appunto ‘tariffa per la gestione dei rifiuti’ (durata poco, per fortuna, certo anche per la sovrapposizione con la tgr giornalistica), TARI, tuttora in uso… fino alla prossima alternativa”.

Ilaria Bonomi

Credits

Accademia della Crusca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...