giorgio levi

Che festa Pestelli! Il pubblico applaude a lungo il documentario “Quei gloriosi anni da cronista”

Mi domandavo se la festa di ieri sera per i 50 anni del Centro Pestelli sarebbe piaciuta a Jep Gambardella. Ovviamente no. Ma ho visto poche feste sullo stile understatement torinese così partecipate e ben riuscite. Una serata che ricorderemo a lungo.

Il solstizio d’estate, il cielo limpidissimo, la meraviglia del Cortile della Magnolia di Palazzo Ceriana, i colori, le luci basse, il buio della notte. E quello schermo, come i cinema all’aperto di quarant’anni fa.

E poi il pubblico, i colleghi, le signore, i sorrisi, le battute. Una piccola magia d’estate. E quel documentario dal titolo evocativo “Quegli anni gloriosi da cronista”, applaudito a lungo.

E’ la prima volta nella lunghissima storia del giornalismo torinese che il sindacato Stampa Subalpina e il Centro studi sul giornalismo Pestelli si fanno produttori di un’opera documentaristica sulla professione. La prima volta, non l’ultima. Magari la prossima, un po’ più Jep Gambardella.