giorgio levi

I cdr di Gruppo Espresso-Itedi: “Subito il piano industriale”. E’ il primo documento sindacale firmato insieme dai giornalisti di Stampa e Repubblica

L’ad del Gruppo Espresso Monica Mondardini

E’ terminato nel tardo pomeriggio l’incontro tra i cdr di Repubblica, Gruppo Espresso, Finegil e La Stampa e le rappresentanze sindacali nazionali e regionali.  Al termine del confronto un comunicato stampa che esprime vicinanza ai colleghi delle testate Il Centro e La Città di Salerno, ceduti qualche giorno fa dal gruppo di De Benedetti. E poi la richiesta dei giornalisti alle aziende di “garanzie non formali sulla tutela del lavoro nei quotidiani dei gruppi editoriali e di un un piano industriale che indichi destino, perimetro e missione di L’Espresso-Itedi”.

Nel comunicato non si fa cenno ad eventuali scioperi, ma certo un altro passo falso del gruppo, qualche manovra o decisione scomposta porterebbe ad una protesta ben più radicale. Domani è previsto un incontro tra l’ad del Gruppo Monica Mondardini e il segretario della Fnsi Raffaele Lorusso. La situazione è delicatissima, quello che si diranno sarà interlocutorio ma qualche chiarimento potrebbe già esserci.

Questo che segue è il comunicato dei cdr. Per la storia è il primo documento sindacale firmato in comune dai giornalisti della Stampa e di Repubblica.

L’assemblea dei Cdr del Gruppo Espresso e del gruppo Itedi, riunita a Roma nella sede della Fnsi alla presenza delle Associazioni regionali di stampa, prende atto della comunicazione del Gruppo  Espresso relativo alle cessioni de Il Centro e de La città di Salerno.

Rileva come tali operazioni siano state finora gestite in spregio alle regole e alle prassi di corrette relazioni sindacali che non sono un lusso o un puro orpello ma parte irrinunciabile e non negoziabile del patrimonio immateriale del gruppo editoriale.

L’assemblea dei Cdr – unitamente alle Associazioni regionali di stampa – esprime vicinanza ai colleghi delle testate coinvolte nella cessione per i quali si richiedono garanzie non formali sulla tutela del lavoro e delle sue condizioni.

Ciò premesso, l’assemblea dei Cdr ritiene che eventuali ulteriori notizie di cessioni di singole testate in assenza di un piano industriale che indichi destino, perimetro e missione del gruppo L’Espresso-Itedi  e delle ulteriori garanzie per i colleghi delle testate in via di dismissione non potrà non richiedere una risposta unitaria e severa  da parte di tutte le redazioni del gruppo stesso.

I Cdr
La Repubblica
Coordinamento Finegil 
(La città di Salerno, La Gazzetta di Mantova, La Gazzetta di Modena, La Gazzetta di Reggio, Il Tirreno, Il Mattino di Padova, La Nuova Venezia, La Tribuna di Treviso, Il Piccolo, La Provincia Pavese, Il Centro, Il Messaggero Veneto, La Nuova Sardegna, La Nuova Ferrara, Alto Adige, Il Trentino, Il Corriere delle Alpi, La Sentinella del Canavese, Agl)
La Stampa
Il Secolo XIX

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...