giorgio levi

Dopo la polemica di fine anno i freelance scrivono a Renzi: lei parla senza sapere, non ha la minima idea di quello che accade nei giornali

tintin

I giornalisti freelance italiani hanno inviato al primo ministro Renzi una “lettera aperta”. Le polemiche seguite alla conferenza di fine anno della presidenza del Consiglio e la battuta del premier sulla condizione lavorativa dei giornalisti non sono piaciute alla quasi totalità di chi svolge questa professione ed è ben consapevole delle enormi difficoltà economiche a cui sono sottoposti migliaia di lavoratori dell’informazione in Italia. Quasi sempre malissimo pagati e molto spesso ricattati da editori che sfruttano il loro lavoro. E senza aggiungere altro sui compensi, che sono la diretta conseguenza di questo generale dissesto. Da qui l’iniziativa freelance che ha raccolto numerossime firme di colleghi in ogni parte d’Italia. Qui sotto il testo per intero e alla fine il link attraverso il quale è possibile mettere la propria firma all’iniziativa. Io l’ho fatto, fatelo anche voi.

Signor Presidente del Consiglio,

in apertura del 2016 ci rivolgiamo a lei, da freelance attivi nella Fnsi – il sindacato dei giornalisti italiani – e nella sua Commissione nazionale lavoro autonomo, per esprimerle sconcerto per il tono liquidatorio da lei usato, durante l’incontro stampa di fine anno, sul tema dei giornalisti precari sottopagati.

Davanti al problema manifestato in apertura dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti, lei lo ha negato, dando l’impressione di ignorare le reali condizioni di lavoro della maggioranza dei giornalisti italiani. Condizioni che dovrebbero esserle note, sia per il suo ruolo istituzionale, sia tramite il Sottosegretario all’Informazione ed editoria Lotti, che presiede la Commissione per l’equo compenso per i giornalisti non dipendenti.

I dati ufficiali dimostrano che i lavoratori autonomi e atipici sono oggi il 62,6% dei giornalisti attivi, e sono in rapida crescita. Spesso con redditi medi da 11.000 euro lordi l’anno, e nella metà dei casi di circa 5.000. Con spese a proprio carico, e con una netta disparità di diritti, tutele e forza di contrattazione rispetto ai colleghi dipendenti. E queste sono condizioni di oggettiva debolezza, di ricatto occupazionale e sfruttamento del lavoro, che ledono la libertà e la qualità dell’informazione.

Dovere deontologico dei giornalisti è di informare correttamente, senza subire condizionamenti. Ma per farlo serve anche non essere costantemente oggetto di ricatti economici ed occupazionali. Che è ciò che accade a gran parte degli autonomi, che contribuiscono significativamente, da collaboratori esterni – senza tutele, sicurezze e quasi sempre senza retribuzioni adeguate – al sistema informazione di questo Paese. E non stiamo pensando solo alle grandi testate, ma anche a quelle minori, alle realtà periferiche, a quelle a rischio come nelle terre di mafia, dove l’informazione riguarda la vita quotidiana dei cittadini.

Condizioni di lavoro, queste, che non vengono riequilibrate dai 20 euro lordi ad articolo, o dai 6 euro lordi per un lancio d’agenzia o di un articolo su web, così come individuati nelle pasticciate norme d’attuazione della legge 233/2012 sull’equo compenso giornalistico. Legge peraltro largamente inattuata, e spesso a fronte di retribuzioni anche di molto inferiori.

Tutti questi sono problemi che riguardano anche il Governo e i suoi poteri d’intervento.

Lo affermiamo con la consapevolezza di chi cerca di trovare nella contrattazione tra sindacato ed editori una risposta a dei temi cruciali per il futuro del settore. Ma proprio per questo ci permettiamo anche di suggerirle, signor Presidente del Consiglio, qualche tema che Governo e Parlamento potrebbero già da oggi utilmente affrontare:

Contributi e agevolazioni pubbliche solo agli editori che dimostrano di pagare equamente e con regolarità i giornalisti

Superamento dei contratti atipici nel mercato dell’informazione, supportando l’emersione dalla precarietà, il lavoro stabile, o comunque il “buon lavoro” equamente retribuito

Garantire pari diritti e tutele al lavoro giornalistico sia dipendente che autonomo

Rimettere urgentemente mano alla delibera d’attuazione dell’Equo compenso giornalistico per i lavoratori autonomi (ora sub judice del Consiglio di Stato, dopo la bocciatura del TAR del Lazio)

Prorogare l’esistenza della Commissione per l’equo compenso, in scadenza nei prossimi mesi, senza la quale la legge 233/2012 che lo prevede sarebbe inapplicabile

Emanazione da parte dal Ministero della Giustizia delle tariffe per la liquidazione giudiziale dei compensi giornalistici, come da Decreto ministeriale 140/2012 sui compensi professionali

Imporre la tracciabilità e l’obbligo di firma di tutti gli articoli, per tutte le testate registrate, anche online, al fine di agevolare i controlli e far emergere il lavoro nero o non retribuito

Per queste ed altre ragioni, e per poter guardare a “un 2016 all’insegna della libertà di informazione”, sono necessarie risposte e impegni urgenti. E non solo dei giornalisti e delle parti sociali, ma anche delle Istituzioni locali, del Parlamento e del Governo.

Oggi sta a ciascuno fare la propria parte.

Con gli auguri di un produttivo e positivo 2016.

Credits

Sono su Fb qui le firme di chi ha aderito al manifesto freelance.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...