giorgio levi

E’ morto Mimmo Càndito

E’ morto oggi, dopo una lunga malattia e all’età di 77 anni, Mimmo Càndito, uno dei più grandi inviati nella storia del giornalismo, non soltanto italiano.

Trasferitosi a Genova negli anni Sessanta, viene assunto al comune del capoluogo ligure e inizia a collaborare con Il Lavoro scrivendo articoli di cinema e cultura. Nel 1970 è assunto dalLa Stampa, per il quale diventa inviato speciale e commentatore di politica internazionale.

Corrispondente di guerra dai principali teatri di conflitto in Medio Oriente, Asia, Africa e Sud America, ha seguito tra l’altro le invasioni sovietica e americana dell’Afghanistan, i bombardamenti NATO in Kosovo, le tre guerre del Golfo e la guerra delle Falkland.

È stato inoltre dal 1999 presidente italiano di Reporter Senza Frontiere e dal 2001 direttore della rivista culturale L’indice dei libri del mese. Ha collaborato con la Rai conducendo Prima Pagina su RadioTre.

È stato docente di Linguaggio giornalistico presso l’Università degli Studi di Torino.

Credits

Il ricordo di Càndito su La Stampa

Il blog di Mimmo Càndito su La Stampa

Intervista di Darwin Pastorin a Mimmo Càndito