giorgio levi

Fratelli De Benedetti spa rafforza il controllo in Gedi dopo la cessione di quote della cassaforte Agnelli-Elkann

Carlo De Benedetti e Gianni Agnelli

Dopo la riduzione delle quote della holding Giovanni Agnelli BV  (6,983%) si rafforza la posizione di Fratelli De Benedetti Spa che mantiene un saldo controllo con oltre il 53,8% del capitale. A Giacaranda Maria Caracciolo Di Melito Falck rimane un 6,29% del capitale che vede un 5% della società nel capitale proprio.

Da ricordare che la Cir, socio di riferimento proprio la Fratelli Benedetti Spa tramite Cofide ed Exor (controllata della Giovanni Agnelli BV) hanno stretto un patto di sindacato triennale sui titoli di Gedi che vincola per la prima il 43,4% di Gedi e per la seconda il 4,68 per cento.

Il patto prevede anche  che per il cda Cir presenti un’unica lista che comprenda un candidato designato da Exor.

Credits

Trend On Line