giorgio levi

I giornalisti della Stampa in stato di agitazione sindacale: “L’azienda ci parla solo di tagli, senza garanzie occupazionali. E’ inaccettabile”

la-stampa

Ad un anno dall’ingresso della Stampa nel gruppo Espresso-Repubblica di De Benedetti, con il closing dell’operazione di fusione ormai imminente, non c’è ancora un piano industriale. Il bilancio del giornale chiuderà in attivo, ma l’azienda parla unicamente di tagli. L’ultima proposta sarebbe quella di passare ai contratti di solidarietà, taglio di uno o due giorni al mese di stipendio. Poi quelli occupazionali, con cifre sempre molto variabili. Ieri la lunga, e spesso contrastata, assemblea di redazione si è chiusa con un comunicato sindacale. Che ha decretato lo “stato di agitazione” riservandosi un pacchetto di azioni di protesta che dovrebbe essere formalizzato nei prossimi giorni. Per ora non si parla di scioperi, anche se in assemblea qualcuno ha avanzato questa ipotesi.

stampa

Credits

Il comunicato di Stampa Subalpina ed Fnsi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...