giorgio levi

Radio e televisioni locali, altre chiusure, crisi senza fine. Appello di Subalpina, Cgil, Cisl e Uil

tt copia

Gli anni dei pionieri delle tv private (nella foto la prima troupe esterna di Teletorino International), pochi nel 1977 potevano immaginare il fallimento del sistema di oggi

Il sindacato dei giornalisti Stampa Subalpina con Cgil, Cisl e Uil ha presentato a Giuseppina De Santis, Antonella Parigi e Giovanna Pentenero (rispettivamente assessori regionali all’Economia, alla Cultura ed al Lavoro) una piattaforma di proposte per il sostegno al settore dell’editoria e dell’emittenza locale, particolarmente sofferenti. Tra le richieste più significative quella di riscrivere la legge regionale per l’editoria in modo che vada a premiare e finanziare le aziende che investono su innovazione e tecnologia e che lo fanno nel pieno rispetto delle regole.

Che la crisi sia terribile lo dicono le cifre. In 5 anni hanno chiuso tre importanti televisioni locali Telesubalpina, Telestudio e ora anche Telegranda. Tra le principali, sono operative ancora Grp, Rete7, Telecity, Quartarete, Videogruppo, Rete Canavese, Telecupole, Primantenna. Delle 31 radio locali, 5 hanno chiuso i battenti. Si sono così persi dal 2010 oltre 100 posti di lavoro, che salgono a quasi 200 se si considera l’indotto.

Si legge nel comunicato diffuso al termine della riunione in Regione (in fondo la versione completa): “La raccolta pubblicitaria, principale fonte di ricavi per il settore si è ridotta dell’80%, mentre si sono ridotti del 70% i contributi derivanti dalla Legge 488/98. Nel corso del 2015 sono stati utilizzati fino ad esaurimento gli ammortizzatori sociali in deroga. Il rischio è che l’anno nuovo porti ad altre chiusure”.

Nel settore dell’editoria sono andati persi posti di lavoro negli ultimi 5 anni per circa 2500 addetti tra diretti ed indiretti. Hanno chiuso realtà storiche come la Ilte (To), RotoAlba (Cn) e le Officine Grafiche di Novara ex Dea, mentre nei periodici locali l’utilizzo degli ammortizzatori sociali è divenuto ormai una regola.

Credits

Le proposte sindacali nel comunicato unitario, qui sotto completo e in formato .pdf, presentato agli assessori all’Ecnomia, al Lavoro e alla Cultura.

subalpina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...