giorgio levi

Scontro tra pensionati. Il “No” al prelievo forzoso verso le 700 firme in tutta Italia. Il Veneto si schiera a favore del “Sì”: vogliamo contribuire

pensionati

Prima o poi doveva succedere. I pensionati si dividono sulla questione “prelievo forzoso”, decisa dall’Inpgi per riequilibrare, all’interno di una complessa manovra, i conti disastrati dell’Istituto.

Partita da Torino la raccolta firme per il “No” veleggia vero le 1000 firme in tutta Italia. In pochi giorni la sottoscrizione ha superato le 600 adesioni, si prevede che entro la prossima settimana altre cinquecento possano arrivare.

Salvatore Rotondo (ex La Stampa), promotore della nuova iniziativa, ricorda che i pensionati hanno già scucito dalle loro tasche abbastanza quattrini: “L’Inpgi insiste nel volersi muovere su un terreno illegale, riproponendo un provvedimento che era già stato bocciato sette mesi fa e omettendo in mala fede che i giornalisti pensionati dal 2012 sono già stati penalizzati di 30 milioni. Un accanimento nei confronti dei pensionati che ha estremamente irritato la categoria. Che aveva già reagito con decisione nel corso del 2015 e che ora è assolutamente determinata a ribellarsi”.

L’Unione Giornalisti Pensionati Veneto, al momento gli unici, si schiera sul fronte opposto: “Prendendo atto della gravità della situazione, riconoscono lo sforzo compiuto dal Cda per tentare di dare un futuro all’Ente di previdenza mantenendo il vincolo di solidarietà che va a tutelare anche i colleghi che perdono il lavoro. Al riguardo sostengono all’unanimità la scelta di chiedere un contributo di solidarietà per tre anni ai colleghi pensionati, calcolato in misura graduale rispetto al reddito previdenziale Inpgi percepito. Mai come in questo momento infatti serve un patto generazionale che contribuisca a distribuire il costo di tale manovra, che va ricordato va a incidere in maniera pesante e strutturale sulle pensioni dei giovani, di chi ora è al lavoro e di chi verrà assunto”.

Credits.

Puntoeacapo

Sindacato Giornalisti del Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...